VanDutch conquista il Nautico di Genova

0
82

Tom Cruise, Lady Gaga, Beyoncé e gli altri Vip: in un modo o nell’altro scelgono, o hanno scelto, possedendoli o noleggiandoli, i VanDutch Yachts. Un marchio iconico, indistinguibile, perché unico e all’oggi non ci risulta null’altro di comparabile. Indistinguibile poiché VanDutch produce sì degli yacht lussuosi, ma su tutto vince un’idea di benessere, ricca di forme estetiche e di un concept spettacolare che si distanzia paradossalmente dal materialismo stesso del prodotto. 

VanDutch vince tutta la scena di Genova

Di quest’anno è il sold-out. E visto il clamore che le VanDucht hanno suscitato al Nautico di Genova, calamitando l’attenzione di tutti, si attende ancora di più per gli ordini.  «Il mercato attendeva un ritorno del brand ed è stato accontentato». Adesso con un cantiere alle spalle come Del Pardo, in VanDutch si vedrà sicuramente un incremento in termini di «struttura, affidabilità, assistenza post-vendita. Una struttura che prima mancava (…)», ci spiega Veronica Bottasini, Marketing e Communications manager di Cantiere del Pardo.

E cresce il VanDutch 32 dai suoi 9,81 metri, ai 12,48 del fratello maggiore, il VD 40, che quest’anno propone una palette di colori tutta nuova. Perché «è scientificamente provato che i colori influenzano positivamente l’umore e i comportamenti». Gli yacht VanDutch anche.

VanDutch 40La filosofia VanDutch si traduce meglio se associata a un concetto che parla di “poesia nautica”. A bordo di questi yacht – il cui brand nel 2020 è stato acquisito dal Made in Italy di “Cantieri del Pardo” – l’armatore in realtà prescinde dall’ostentazione dello status, in favore dell’imbarcazione meravigliosa che sceglie. 

L’armatore incarna la ‘bellezza fuggevole’ nautica, per esempio a bordo di un VanDutch 32. Si realizza così, forse perché lui (o lei) possiede tutto e non cerca motivo di apparenza ulteriore. O forse perché si sente un vero esteta appagato, e guarda ai dettagli dell’imbarcazione che gli consentono la pura classe del dandy: sensibile, per nulla provocatrice ma esuberante e tal volta irriverente.

Chiamiamola identificazione personale con l’oggetto nautico: Vandutch propone “party-boat”, ma in fin dei conti c’è poco del narcisismo festaiolo, soprattutto nelle linee. Minimal e concettuale: così si esprime l’arte nautica a bordo dei VanDutch tramite la matita di Mulder Design. 

Yacht da esteti o party-boat

A partire dai poeti post-vittoriani si aggiunge un altro concetto, quello di un vizio che lascia insoddisfatti ed è quindi “perfetto”.

VanDutch 48

Perché i VanDutch costituiscono un modo di vivere il diporto diversamente, accantonando il ripetersi canonico delle forme e dell’architettura nautica classica. Partendo dai preponderanti tientibene – dimenticateli – e i prendisole di prua già visti e rivisti. Sul VanDutch 32 il ponte prodiero è pura geometria. Un volume preciso che si protende sull’acqua culminato dalla prua verticale.

L’arco dell’imbarcazione si presenta totalmente steso, come una linea parallela a quella del mare. Dicevamo, non c’è il prendisole di prua, c’è però la bellezza di un ponte spettacolare al pari di un quadro firmato Gerhard Richter. Sottocoperta una cabina: per godersi l’ombra, l’aria condizionata, l’intimità e il relax. I profumi e il sound system Fusion, connessi col Wi-Fi dello smartphone; due i posti letto. 

La scena di bordo si movimenta a poppa, grandissima, ampia e protetta dalle murate. Cuscineria raffinata, artigianale, elegante e piacevole a tal punto che pare risvegliare i sensi. La poppa vede l’elemento centrale costituito da un divano che continua a “L” nel pozzetto. Lo stern culmina invece con una beach-area: aperta agli sguardi di quei curiosi che passeggiano in banchina, oppure libera sulle trasparenze dello specchio d’acqua in una rada caraibica. 

Un parabrezza polarizzato, discreto corre semicircolarmente avvolgendo la parte centrale dell’imbarcazione.Cantiere del Pardo Una zona comando dai gesti facili, dove con un bottone si salpa l’ancora. Un bel sostanzioso Garmin da 16’’ per fare il punto imbarcazione e orientarsi nella cartografia elettronica. Un joystick, opzionale (ma chi non lo metterebbe), per facilità degli ormeggi easy di chi pensa più allo champagne che ai parabordi. E il frigo sotto la seduta del divanetto nel lato passeggero, in cui «trova spazio anche un pratico lavabo a scomparsa, per offrire ai passeggeri l’acqua dolce senza la necessità di scendere sottocoperta».  

Dove trovarli i VD?

Saranno quattro i VanDutch Center nel mondo. Store ultra esclusivi previsti in località rinomate, come Saint Tropez, Miami, le Baleari e sul lago di Garda. «Per avere un controllo molto alto dell’immagine sul brand», spiega Veronica Bottassini, Responsabile della comunicazione dei Cantieri del Pardo. Gli store inoltre dovranno esporre l’intera gamma VanDutch, dal VD 32 al VD 56 ed «è previsto nel prossimo futuro anche un VD 75». Saranno armate in totale trenta o quaranta VanDutch all’anno, è un prodotto di «nicchia», aggiunge Veronica. 

Vandutch 32
Vandutch 32

The post VanDutch conquista il Nautico di Genova appeared first on Tuttobarche.

NESSUN COMMENTO