Tankoa S701 Solo, megayacht delle meraviglie

0
328
Tankoa S701 Solo Tankoa S701 Solo Visto da poppa

Carda d’identità: nome e cognome Tankoa 72m S701 Solo, data di vendita settembre 2016, battesimo del mare agosto 2018, debutto internazionale Monaco Yachts Show 2018, data di consegna novembre 2018, professione megayacht. Questo prodigio della tecnologia è firmato da Francesco Paszkowski Design da Margherita Casprini (Gentedimare2.0 del 3 agosto 2018).
Detto questo, i numeri a bordo del 72 metri Tankoa 72m S701 Solo non hanno bisogno di commenti. Il gioiello del cantiere genovese non è soltanto uno splendido megayacht, grazie alle linee esterne di Paszkowski e agli interni di Casprini, ma anche una dell imbarcazioni tecnicamente più avanzate grazie alla sua carena, opera del professor Ruggiero.
Lungo 72 metri e largo 11,60, Tankoa 72m S701 Solo ha un volume di 1.600 GT con un dislocamento di 1.120 tonnellate a mezzo carico e 1.240 tonnellate a pieno carico. Motorizzato con una coppia di Caterpillar 3516B che sviluppano 1.825 kw, è in grado di raggiungere una velocità massima di 17,5 nodi. A 10 nodi, con un generatore in funzione, consuma un totale di 195 litri l’ora, assicurando un’autonomia di 7mila miglia nautiche. A 15,7 nodi, consuma 570 litri all’ora con un’autonomia di oltre 4mila miglia nautiche e un margine del 10%.
Come altri modelli dagli elevati standard di qualità, oltre all’efficienza è un megayacht hig-tech, eco-friendly e incredibilmente ben equipaggiato. Come tutte le imbarcazioni Tankoa è dotato di sistema di timoneria indipendente, in questo caso fornita da Rolls Royce, che permette di manovrare negli spazi più ristretti col supporto di un bow thruster idraulico Najad da 200 kW. I tre generatori Northern Lights, due da 230 kw e uno da 155 kw, sono dotati di un sistema soot burners HUG per eliminare le classiche macchie di fumo nero sulle fiancate e permette agli ospiti di godere del ponte poppiero come del beach club con terrazze aperte senza cattivi odori né acque sporche. E ancora: Tankoa 72m S701 Solo è dotato di un sistema di monitoraggio di CO2 , che permette al comandante di trovare sempre la velocità ottimale riducendo le emissioni al minimo.
L’armatore, infine, potrà arrivare a bordo utilizzando l’helideck touch and go poppiero (con certificazione fino a 4,5 tonnellate, sufficiente per la maggior parte degli elicotteri a doppia turbina, come un Augusta 109).
Dice Michel Karsenti, sales & marketing director di Tankoa Yachts: “Internamente, Tankoa S701 Solo è stata una vera sfida. Fin dagli albori del progetto abbiamo chiaramente espresso il nostro desiderio di produrre e consegnare uno yacht che potesse competere testa a testa con i migliori cantieri del mondo, la maggior parte dei quali sono in Olanda e Germania. Un’ambizione che è stata condivisa da tutti i nostri ingegneri, artigiani e project manager quasi ogni giorno durante la costruzione. Oggi, dopo avere lungamente testato lo yacht, posso dire senza alcun dubbio che abbiamo raggiunto il risultato desiderato! Solo sta catapultando Tankoa verso nuove vette e tutti i professionisti del settore che l’hanno ispezionato durante la costruzione e nelle ultime settimane sono rimasti sbalorditi nel constatare come manteniamo davvero le nostre promesse. Nella mia posizione, quando mi trovo di fronte ai clienti e ai broker, è fondamentale che le mie parole e le mie promesse ai clienti siano addirittura superate dai fatti. Nessuna riunione del board si è conclusa senza ricordare quanto fosse importante posizionare Tankoa come il costruttore di maggiore qualità in Italia. Oggi, osservando gli interni insieme a Francesco Paszkowski e al suo team, mi sono davvero reso conto di poter contare semplicemente sul miglior team che un cantiere ricco di passione come il nostro possa desiderare. Non solamente Solo è uno yacht stupefacente, è anche lo yacht più efficiente sul quale sia mai salito. Partendo dalla totale assenza di vibrazioni fino al silenzio e alle performance, sono entusiasta e non vedo l’ora di vedere la reazione dei clienti durante il salone”.
“La maggiore lunghezza di Solo comparato a Suerte, il 69,40 metri consegnato tre anni fa e basato sulla medesima piattaforma tecnica – aggiunge Francesco Paszkowski – significa avere maggiori spazi interni ed esterni, aumentando i già generosi volumi di alcuni punti chiave come il beach club, il giardino d’inverno e le aree dedicate agli ospiti sul ponte superiore. Abbassando le murate sul ponte principale ha permesso di aumentare la vista sul mare dal salone principale. Lo yacht è disegnato per un uso privato e allo stesso per le necessità del charter, come richiesto dall’armatore. Questo ha richiesto continuità tra i vari spazi conviviali, una precisa ma flessibile divisione in base all’utilizzo, una corretta comunicazione tra esterno e interno e un uso rigoroso dei principi architetturali. Il ponte inferiore è dedicato agli alloggi dell’equipaggio e ai servizi, inclusa la cucina professionale. A sinistra, sul ponte principale e su quello superiore, vi sono anche due pantries che assicurano un veloce ed efficiente servizio su ogni livello. Ovviamente, la circolazione dell’equipaggio è totalmente separata dalle aree ospiti. Il design interno è stato realizzato in collaborazione con Margherita Casprini per riflettere perfettamente i desideri dell’armatore. Tonalità chiare e scure sono state attentamente bilanciate per completarsi le une con le altre e con la discreta palette di colori scelta per gli arredi. Materiali e finiture sono combinati con meticolosa attenzione ai dettagli e a bordo vi sono i top brand del made in Italy“.

L'articolo Tankoa S701 Solo, megayacht delle meraviglie sembra essere il primo su Gentedimare2.0.

NESSUN COMMENTO