Sfrutta al massimo le tue vele avvolgibili con questi frulloni Ronstan

0
105
ronstan continuous lineSia che possediate una piccola sportboat di 5 metri, che un superyacht lungo 25, c’è una gamma di frulloni che vi consentirà di ottenere il meglio dalla vostra vela asimmetrica o tipo Code 0.

I frulloni Ronstan Continuous Line

Sono i Continuous Line di Ronstan, caratterizzati da un’estrema semplicità di montaggio e dalla cima che comanda la rotazione del tamburo (di diametro ottimizzato e in alluminio anodizzato per garantire la massima efficienza) a circuito chiuso. Un sistema che consente di aprire e avvolgere l’asimmetrico in maniera veloce e senza intoppi.

A questo link trovate tutti i dettagli della gamma, ovvero le Series 60, 80, 120, 160, 200 e 280.

I punti di forza dei frulloni Ronstan Continuous Line

Quali sono i punti forti dei frulloni Continuous Line di Ronstan?

In primis, il tamburo: i tamburi incorporano un profilo di scanalatura lavorata e una geometria a fori incrociati per afferrare saldamente la cima di avvolgimento. Quando si apre la vela, la cima di avvolgimento continuo si auto-espelle dalla zona di presa, rimanendo ferma per un funzionamento più fluido e sicuro con un’usura minima della cima.

Una striscia perimetrale in PTFE assicura che il cavo di avvolgimento scarico non possa cadere dal tamburo o impigliarsi. Poi, essere facili da installare, sono duttili e “maintenance-free”: avvolgitori e perni superiori sono dotati di un cuscinetto sigillato in fabbrica che non richiede manutenzione.

Anche in versione top-down

Ma soprattutto, la possibilità di averli in versione “standard” (bottom-up) e “top-down”.

Esistono due differenze sostanziali tra un sistema di avvolgimento convenzionale “dal basso verso l’alto” e la più recente forma di avvolgimento dall’alto verso il basso: il modo in cui le vele sono fissate all’avvolgitore e la direzione in cui si avvolge la vela.

ronstan continuous line bottom up

Negli avvolgitori convenzionali, con vele tipo Code 0 o staysail, le vele sono fissate direttamente sia all’avvolgitore in basso, sia alla testa orientabile in alto. L’inferitura di queste vele è sufficiente per far girare o avvolgere la vela su se stessa ogni volta che il frullone è attivo. Dato che la vela è direttamente connessa all’avvolgitore, la vela inizia ad avvolgersi con un movimento verso l’alto, non appena l’avvolgitore inizia a girare.

ronstan continuous line top-down

Nella configurazione top-down, invece, utilizzando vele asimmetriche a struttura morbida, la testa dello spinnaker o del gennaker viene “ancorata” direttamente alla parte superiore girevole, ma il punto di mura della vela è indipendente dall’avvolgitore. Il punto di mura dell’asimmetrico è fissato ad un piccolo stroppo collegato a una parte girevole che consente all’avvolgitore di ruotare senza tirare la parte inferiore della vela. Il cavo di torsione trasferisce quindi semplicemente la spinta dall’avvolgitore alla testa girevole, facendo avvolgere la parte superiore della vela. Mentre la vela continua ad avvolgersi, scende dalla testa, avvolgendosi strettamente attorno al cavo di torsione.

Ciò comporta un avvolgimento molto stretto, eliminando il rischio di avere vela in eccesso e assicurando quindi la migliore efficienza di manovra.
 La tenuta e la consistenza di un avvolgimento top-down ben eseguito è ciò che rende questo sistema così buono. Questo tipo di avvolgimento, infatti, riduce significativamente i rischi associati alle manovre di issata ed ammainata delle vele perché si solleva semplicemente la vela in aria, si fissa il cavo di torsione al grado di tensione corretto e si spiega la vela solo quando si è pronti.

Nel caso in cui le condizioni dovessero peggiorare, si può semplicemente avvolgere la vela e attendere. La consapevolezza di potersi sbarazzare della vela in modo rapido e sicuro in qualsiasi momento conferisce a tutto l’equipaggio maggiore sicurezza e tranquillità.

SCOPRI LA GAMMA DI AVVOLGITORI RONSTAN CONTINUOUS LINE

The post Sfrutta al massimo le tue vele avvolgibili con questi frulloni Ronstan appeared first on Giornale della Vela.

NESSUN COMMENTO