Mini Transat: Melwinn Fink e la morte dell’Esprit Mini

0
215
FinkLa potremmo definire la Mini Transat della discordia. Ovvero quella in cui un giovane tedesco di appena 19 anni, Melwinn Fink, in regata tra i Serie, ha dato uno schiaffo in faccia al famoso “Esprit Mini”. Non ha ascoltato la paternale raccomandazione della Direzione di Regata, nonché della decisione della flotta di riparare in porto, avvenuta a quanto pare in una concitata “assemblea” via VHF.

Sta di fatto che nessuno aveva sospeso ufficialmente la corsa e Fink, a ragione o a torto, ha deciso di provare a sfruttare l’occasione e ci sta riuscendo. La prima tappa, con arrivo a Santa Cruz alle Canarie, è sua, e adesso tutta l’attenzione si sposta sul cronometro. Quanto margine serve a Fink per potere resistere alla reazione certamente rabbiosa che la flotta gli riserverà per la seconda tappa?

MINI TRANSAT LEG 2: TUTTI CONTRO FINK?

L’unica chance che ha il gruppo di spodestare Fink, il cui vantaggio sulla maggior parte dei suoi rivali potrebbe essere addirittura superiore alle 40 ore, è quello di imporre alla leg 2 un ritmo indemoniato e mettere il tedesco alla corde costringendolo a rischiare. Fattibile?

In una chiacchierata di confronto che abbiamo avuto con Ambrogio Beccaria, vincitore della Transat 2019, il velista milanese ci ha raccontato: “nel 2019 avevo vinto la seconda tappa con circa 22 ore di margine sul secondo, ma perché c’era stato anche il meteo a favorirmi e rallentare gli altri, era un vantaggio eccezionale. Fink potrebbe avere anche il doppio di quel vantaggio e già nella prima tappa, è un margine molto importante” ci ha confessato Ambrogio, e vale la pena di credergli. La Mini Transat è quindi chiusa già alle Canarie? Mai dire mai. In uno sport dove elementi chiave sono la metereologia e la meccanica può davvero succedere di tutto, anche se questo Fink sembra proprio avere una “pelle dura”.

GLI ITALIANI ALLA MINI TRANSAT

Sono stati giorni difficili per gli italiani e in particolare per Alberto Riva, che da leader prima dello stop in Portogallo si è trovato dopo la ripartenza a inseguire perdendo molte posizioni. Certamente da un punto di vista mentale il momento è stato difficile, ma Edilizia Acrobatica nelle ultime 24 ore è tornata sul piede di guerra, e la 14ma posizione di Riva fa sperare che ci sia ancora margine nelle ultime 300 miglia verso Santa Cruz per recuperare in classifica. Ottima la prova, quasi a sorpresa, di Luca Del Zozzo, che questa mattina si trovava in 13ma posizione, oiù attardati gli altri italiani. Matteo Sericano è in 14ma posizione tra i Prototipi, Giovanni Mengucci 19mo tra i Serie, Giammarco Sardi 24mo, Massimo Vatteroni 34mo, Francesco Renella 62mo. 

Nel frattempo i primi quattro prototipi sono già arrivati in quest’ordine: vittoria di tappa per Tanguy Bouroullec, secondo il francese Fabio Muzzolini, terzo Pierre Le Roy, quarta la giovane e forte russa Irina Gracheva. Ma il famoso Esprit Mini, è ancora vivo?

Tracking Mini Transat

Mauro Giuffrè

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche un regalo!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

The post Mini Transat: Melwinn Fink e la morte dell’Esprit Mini appeared first on Giornale della Vela.

NESSUN COMMENTO