Mangusta Oceano 50, varata la nuova ammiraglia

0
41

Il Mangusta Oceano 50 è firmato da Alberto Mancini per le linee esterne e dall’Ufficio Engineering del cantiere che ha collaborato con il designer per ottimizzare gli spazi. L’architettura navale è invece di P.L.A.N.A. Design dell’Ing. Ausonio

È scesa in acqua la prima unità del Mangusta Oceano 50, una nave dislocante con scafo in acciaio e sovrastruttura in alluminio. La cerimonia è avvenuta a Pisa nell’area dei Navicelli, alla presenza dell’Armatore e della sua famiglia.

Oggi siamo orgogliosi e felici di varare il primo 50 metri della linea Mangusta Oceano, nuova ammiraglia della linea dislocante. È il decimo varo della divisione navi in metallo di Overmarine Group, un ottimo risultato considerando che la prima unità ha toccato l’acqua soltanto cinque anni fa”, afferma Maurizio Balducci, AD del Gruppo.

Elemento distintivo di tutte le imbarcazioni Mangusta è il bilanciamento di spazi interni ed esterni, che consente all’Armatore e ai suoi ospiti di godere delle numerose aree di privacy o socializzazione. Sul Mangusta Oceano 50, infatti, vi sono diverse aree esterne dedicate agli ospiti, tra cui la beach area, con sauna, che si sviluppa su tre terrazze interconnesse a pelo d’acqua per un immediato contatto con il mare. Il garage, integrato nella coperta della zona di prua, ha consentito un’ottimizzazione degli spazi tale da portare la superficie complessiva del beach club dedicato a 68 mq.

Mangusta Oceano 50, the launch

La prua è un’area dal forte contenuto tecnologico; l’ampio pozzetto, lineare e spazioso, sovrasta il garage. Una volta varato il tender, la vasca che lo contiene può essere riempita di acqua per ottenere una vera e propria piscina da 6,5 x 2,6 e profonda 1,3 metri con nuoto controcorrente. Sul main deck il pozzetto di poppa ricorda il living di una villa; la porta di poppa, una volta aperta completamente, crea un unico e ininterrotto dialogo con il salone in cui luce e aria diventano naturali protagoniste, effetto amplificato anche dalle due grandi porte laterali scorrevoli. Un’ulteriore jacuzzi si trova sul sundeck con vista sul mare. Completa la zona un’accessoriata e confortevole area relax e un tavolo dining per accogliere fino a 12 persone riparato da un hard top a tutta larghezza

Passando agli interni, il layout di questa imbarcazione vede una configurazione del lower deck a 5 cabine: quattro ospiti (2 guest + 2 Vip) e una Gym a tutto baglio richiesta dall’Armatore. La suite armatoriale di ben 52 mq è posizionata sul ponte principale ed è dotata di un esclusivo “balcony” totalmente automatico affacciato sul mare.

I due motori MTU 12V 2000 M86 da 1.700 cavalli muovono il megayacht fino a una velocità massima di 16 nodi con un’autonomia, transoceanica, di 4.500 miglia nautiche ad una velocità di crociera di 11 nodi. Il comfort di bordo è garantito, sia all’ancora sia in navigazione, dagli stabilizzatori elettrici Zero Speed.

La brokerage house Moran Yacht e il suo team ha seguito tutte le fasi della costruzione della nave a partire dalla vendita. La consegna di questa unità è prevista per fine luglio 2021. Altre due unità sono attualmente in costruzione e la numero 3 “Project Salerno” sarà consegnata per la primavera 2023.

(Mangusta Oceano 50, varata la nuova ammiraglia – Barchemagazine.com – Giugno 2021)

L'articolo Mangusta Oceano 50, varata la nuova ammiraglia sembra essere il primo su Barche Magazine ISP.

NESSUN COMMENTO