La nautica toscana traina la crescita del settore

0
354
La nautica toscana traina la crescita

Fari sulla Nautica all’International Propeller Club Port of Leghorn che si è svolto nei locali dello Yacht Club di Livorno. E sono segnali molto positivi per tutta la filiera, sia in ambito nazionale sia in quello regionale della Toscana. Negli ultimi quattro anni il settore ha segnato un incremento di circa il 60% rispetto all’annus horribilis  2013. Secondo l’ingegnere Stefano Pagani Isnardi, responsabile dell’Ufficio Studi di Ucina Confindustria Nautica, “le quote export sono state sostenute dai produttori di megayacht, ma spetta anche ai piccoli costruttori strutturarsi a livello internazionale per potenziare così un settore che occupa 20mila addetti diretti e oltre 100mila nell’indotto”.
“Non esiste solo l’export – ha aggiunto Lorenzo Pollicardo, neo Technical & Environmental Director di SYBAss, l’Associazione internazionale che raggruppa i maggiori costruttori di Superyacht – Un’ampia parte del mercato e del suo sviluppo è legata anche ai piccoli porti e ai marina più in generale, strutture che si integrano con i territori e non sono più meri contenitori di barche, ma veri e propri elementi del waterfront”.
“La nautica toscana – ha spiegato infine alla platea Vincenzo Poerio, confermato presidente del Distretto Tecnologico per la Nautica e la Portualità Toscana – è la realtà più importante in Italia, con 13 marchi che rappresentano l’economia regionale e portano un fatturato pari al 60% di quello italiano. Dobbiamo stare attenti a un nuovo fronte di concorrenza nel settore dei megayacht che viene dai Paesi del nord Europa, la Turchia e persino da Taiwan. La Toscana deve crescere ancora nella qualità di servizio dei porti e nell’indotto turistico”.

L'articolo La nautica toscana traina la crescita del settore sembra essere il primo su Gentedimare2.0.

NESSUN COMMENTO