Cranchi Crossover T36 Kaiser di Düsseldorf

0
365
Cranchi Crossover T36: la premiazione Cranchi Crossover T36: la premiazione Cranchi T36 Crossover Lo stand Cranchi al Boot 2019

(dal nostro inviato a Düsseldorf) Centrato al primo colpo l’European Powerboat of the Year 2019 nella categoria sotto i 45 piedi. Cranchi Crossover T36, l’innovativa imbarcazione concepita e prodotta dallo storico  Cantiere Nautico Cranchi, porta nella bacheca di Piantedo (Sondrio) il prestigioso premio conquistato a pieno titolo al 50° Boot di Düsseldorf. La cerimonia si è svolta sabato 19 gennaio, a margine della Flagship Night, l’esclusiva serata di gala che ha celebrato le eccellenze della nautica internazionale.
“Questo riconoscimento al T36 Crossover arriva proprio al momento giusto- il commento di Guido Cranchi, ceo di Cranchi Yachts – Questo yacht ha infatti inaugurato una nuova fase di rinnovamento della nostra gamma. Il T36 Crossover, così come i due E26 che abbiamo presentato in estate o il Settantotto che debutterà all’inizio della prossima stagione, brillano per la loro qualità e per la loro originalità. Sono modelli che offrono al mercato qualcosa di nuovo, imbarcazioni che conquistano gli esperti e gli appassionati di nautica anche grazie allo straordinario lavoro sul design che il nostro cantiere sta conducendo insieme a Christian Grande“.
La giuria, composta da un panel di qualificati giornalisti ed esperti di nautica, ha voluto premiare Cranchi Crossover T36 per il suo approccio innovativo e per i suoi meriti in termini di performance, tecnologia, estetica e comfort. La capacità di unire i vantaggi di un trawler e quelli di uno sportcruise, ha senza dubbio favorito l’assegnazione dell’ambito riconoscimento.
“Il T36 Crossover – ha sottolineato Guido Cranchi – è tutte e due le cose insieme e sdogana nel mondo della nautica la definizione tipicamente automobilistica di crossover: non poteva che essere un successo”.

PRESENTE AL BOOT DA 40 ANNI
Una storia incredibile quella del Cantiere Nautico Cranchi, che nel 2020 celebrerà i 150 della fondazione. Per la cronaca, Cranchi Yachts entra nell’albo d’oro dei fedelissimi del Boot Düsseldorf con una presenza ultra quarantennale. Anche quest’anno, lo stand del cantiere italiano è collocato nella Halle 6, il padiglione più prestigioso del complesso fieristico di Düsseldorf. Qui il pubblico avrà modo di ammirare E26 Classic, novità della stagione, insieme con alcuni dei best seller Cranchi: 60 ST, E52 F, M44 HT e T43 nella sua nuova versione facelift 2019, con interni rinnovati, più eleganti e impreziositi da essenze di pregio. Le cinque imbarcazioni disegnano il perimetro dello stand, come veri e propri elementi architettonici integrati nello spazio espositivo progettato dallo studio di design di Christian Grande. Gli scafi contribuiscono con le loro linee e le loro cromie all’eleganza dello stand: il Grigio Cosmo dell’E26 Classic, del 60 ST e dell’M44 HT, il Grigio Medusa dell’E52 F e l’Azzurro Infinito del T43 danno un saggio del vasto assortimento di vernici e opzioni di personalizzazione che il Cantiere può offrire ai suoi clienti grazie al nuovo programma di customizzazione Cranchi Atelier. Lo stand ospita anche una preziosa collezione di grandi maquette, estremamente accurate nei dettagli. Grazie a queste riproduzioni sarà possibile apprezzare due modelli non ancora disponibili sul mercato, il Settantotto e il Sessantaquattro, insieme alle tre più recenti novità presentate da Cranchi Yachts: il T36 Crossover, l’E26 Classic e l’E26 Rider. La presenza di queste maquette è molto più che simbolica: consentirà infatti ai visitatori di farsi un’idea concreta della maestosa bellezza del Settantotto, la nuova ammiraglia Cranchi che farà il suo debutto in estate, e di come evolverà la gamma dei flybridge dello storico cantiere italiano. La maquette di Cranchi Crossover T36 è invece un doveroso tributo a questo modello, il primo crossover del mare, che proprio a Düsseldorf 2018 festeggiò la sua anteprima mondiale.

AR

L'articolo Cranchi Crossover T36 Kaiser di Düsseldorf sembra essere il primo su Gentedimare2.0.

NESSUN COMMENTO