CMM Yacht Service, Precisione e Conoscenza

0
84

Matteo Cervasi, giovane imprenditore marchigiano, ci racconta di come dal 2004 sia entrato nella nautica passando attraverso il mondo del refit, dove l’artigianalità è la chiave di volta e il rispetto e l’amore per l’eccelsa qualità del Made in Italy sono imprescindibili tasselli per formare l’incastro perfetto

by Francesca Portoghese – photo by Andrea Muscatello

EREDE DI SÉ STESSO, MATTEO CERVASI, CON LA SUA CMM YACHT SERVICE assicura al cliente il know how e l’esperienza giusti di chi fa della propria passione un lavoro. Comincia da giovanissimo in Pershing, dedicandosi alle operazioni di refitting di bordo e costruendosi così un castello di esperienza che gli è valso la fiducia del Gruppo Ferretti che gli affiderà in futuro il refit per tutti i marchi, riconoscendo la sua azienda Master Service Point in esclusiva.

CMM P

Matteo, quanto è importante il refit nella nautica?
La scelta del refit si traduce nella volontà di recuperare, da parte dell’armatore, un bene dal valore intrinseco che risiede nel design esclusivo fatto da architetti specializzati. Un’imbarcazione è un po’ come una casa: ha il suo layout e le sue strutture ed un valore di acquisto importante che non può non incidere sulla decisione di intervento di refitting. Quello del refit si aggira intorno al 30% del valore complessivo del bene. Va da sé, dunque, che già dal secondo anno la spesa sia completamente ammortizzata rispetto all’acquisto di un bene nuovo, appena uscito sul mercato. Nel refit vi è sicuramente anche un aspetto romantico che rientra nella sfera dell’affettività: spesso le barche sono battezzate con il nome di un componente della famiglia, sulla barca sono cresciute le famiglie, è la barca che custodisce i ricordi delle vacanze.

CMM ANMU
CMM Yacht Service ha 27 dipendenti. In caso di intervento in loco, al di fuori della sede di Mondolfo, la squadra può raggiungere anche più di 50 persone.

Quali sono i vostri punti di forza?
Uno dei nostri punti di forza è sicuramente la garanzia che diamo al cliente di contare su maestranze specializzate che vanno dal meccanico al carrozziere, dall’elettricista al verniciatore. Avere un unico interlocutore è un servizio fondamentale: il cliente si sente immediatamente tutelato nella soluzione del problema, in tutte le sue sfaccettature.

CMM DA
Matteo Cervasi, classe 1979, è un appassionato di oggetti vintage. In realtà, non si tratta di passione ma, come dice lui, di una vera e propria attrazione che nasce da un subitaneo colpo d’occhio. Non c’è bisogno che ne conosca la storia o che sia di valore: se l’oggetto lo ispira, è quello giusto.

Come si sta evolvendo la vostra azienda oggi?
L’azienda non ha mai smesso di crescere, anche in un periodo di crisi. Da dodici anni, siamo presenti anche in Costa Azzurra, uno dei mercati più prestigiosi ed importanti del Mediterraneo, con la nostra sede di Antibes, e questo ci consente di gestire in loco, da Mentone a Marsiglia, tutti i refit delle imbarcazioni. Siamo in grado di intervenire in tutto il mondo e spostiamo le nostre squadre ovunque, sempre equipaggiandole della nostra attrezzatura per interventi specifici che richiedono una preparazione ad altissimo livello e l’utilizzo di materiali che sono sempre haut de gamme. Abbiamo lavorato in Indonesia per sei mesi per la verniciatura di un’imbarcazione, ma prima di procedere siamo dovuti intervenire con la costruzione di una cabina di verniciatura per evitare che i 44 °C fissi ed il tasso di umidità, sempre attorno al 90%, non inficiassero sul lavoro. Abbiamo abbassato la temperatura a 20 °C e portato l’umidità ad un tasso pari al 30% per restare conformi ai dati indicati dalle tabelle della vernice utilizzata. Abbiamo poi creato un sistema di climatizzazione e di deumidificazione, oltre a prevedere anche un complesso sistema di aspirazione per i fumi ed il risultato è stato efficacemente raggiunto. Come sempre avviene, tutti i materiali, stoccati in grandi quantità nei nostri magazzini, sono stati spediti via aerea prima dell’intervento e ancor prima che la nostra squadra partisse per procedere al lavoro. In Qatar, invece, siamo intervenuti su una barca di 37 metri per ben due anni. Il nostro refit assicura al cliente, oltre che un abbattimento dei costi rispetto all’acquisto del nuovo, una barca nuova in tutte le caratteristiche tecniche e la possibilità di una personalizzazione che incontra il gusto dell’armatore, dettaglio importante per un acquirente che, in barche nuove in pronta consegna o in stock, è più difficile da trovare. Mi sento di dire quindi che anche la parte creativa è uno dei punti di forza del nostro lavoro e deriva dalla collaborazione tra il nostro ufficio di Project Manager e lo studio di architettura ITA31, che ci ha garantito sempre grandi successi.

CMM ANMU
CMM ANMU

In che modo ha cambiato le vostre esigenze e quelle del settore lo scenario di una pandemia?
La pandemia ha creato problemi a livello di gestione del tempo del nostro lavoro. Prima, salivamo a bordo in venti persone; durante i periodi di chiusura del Paese potevamo farlo solamente in due. È risultato molto complicato anche l’approvvigionamento dei dispositivi, sia in termini di tempo sia in termini di costo. Tuttavia, la dedizione al lavoro dell’intera squadra, che io considero una vera e propria famiglia, ha permesso di portare a termine tutti i lavori in programma rispettando le scadenze.
Con coesione e affiatamento, che sono il motore del nostro lavoro, avevamo già affrontato e superato egregiamente anche la crisi che ha colpito il settore della nautica qualche anno fa.

CMM IMG

Da oltre 17 anni è Master Service Point per tutti i modelli di imbarcazioni del Gruppo Ferretti, Ferretti Yachts, Pershing, Itama, Riva, Mochi Craft, Custom Line.

Quanto influisce il Made in Italy nel vostro lavoro?
Il Made in Italy sta tutto nella nostra mentalità e anche se la gran parte dei nostri artigiani non sono italiani, siamo riusciti a trasferire loro un saper fare e una maestria che hanno tutto il sapore del nostro Paese. Oggi, ognuno ha sposato la causa di CMM Yacht Service e ne riconosce il valore. Abbiamo investito molto per la formazione, investimento che è sempre andato di pari passo con la decisione di prediligere l’eccellenza Made in Italy anche attraverso la scelta delle materie prime, sempre pregiate, e performanti tecniche di intervento. Faccio un esempio: quando si rende necessaria la verniciatura, noi non proponiamo mai al cliente il Wrap.
La verniciatura, fatta con la sapienza di chi lavora da anni in questo settore, è l’unica possibilità non solo per recuperare un pezzo della barca ma soprattutto per attribuirgli il valore che merita. Col fine di assicurare il miglior risultato possibile, utilizziamo quasi sempre vernici ceramicate, un materiale molto duro che assicura longevità all’intervento.

CMM   copia
CMM IMG  copia

CMM Yacht Service ha siglato un accordo di collaborazione con Italian Yacht Store, dealer delle imbarcazioni Ferretti Yachts, Pershing e Itama, diventando agente ufficiale per la regione Marche.

CMM IMG  copia

È per questa continua virata verso l’eccellenza che un armatore dovrebbe scegliere CMM Yacht Service?
Un armatore dovrebbe scegliere CMM per tutelare il valore del suo bene, sicuro di trovare al suo servizio persone competenti che sanno lavorare allineandosi alla qualità e all’eccellenza della sua barca. Le nostre competenze si sono fatte valere nel settore della nautica tanto da far parlare di noi anche Oltreoceano e convincere un armatore di Boston ad affidarci il refit della sua imbarcazione. Sarà un intervento radicale che faremo nella nostra sede e che coinvolgerà il reparto dell’impiantistica, i motori, la propulsione, il layout interno ed esterno. Il prodotto finale sarà un’imbarcazione nuova, completamente personalizzata a cui dovremo dedicare circa un anno di lavoro.

CMM  s
CMM ANMU
Con sedi in Italia e in Costa Azzurra, CMM opera su tutto il territorio nazionale e su quello francese. Inoltre, grazie alla sua capacità organizzativa e logistica, esegue lavorazioni in ogni parte del mondo.

Quali sono i progetti futuri per lo sviluppo dell’azienda?
Il core business della mia azienda è l’assistenza, fatta in loco, con furgoni officina e personale altamente specializzato. Poi c’è il refit, la parte sulla quale io intervengo maggiormente, che mi piace di più e che mi permette di esprimermi al meglio. Studio per entrare in contatto con l’armatore, imparo a conoscerne i desideri e quelle esigenze che nemmeno lui, molto spesso, sa di avere. Non è un lavoro facile ma è la cosa più importante che mi permette di fare bene il mio lavoro di consulenza, agevolando al massimo la vita a bordo del cliente. Da circa due anni, però, oltre al core business, si è aggiunta anche la parte dell’intermediazione e siamo diventati subagenti del dealer italiano, Italian Yacht Store. Sono sostenuto da una grande squadra amministrativa che mi aiuta in maniera molto solida in ogni progetto. Il prossimo passo sarà creare siti in prossimità del mare e ampliare le nostre attività attraverso l’apertura di nuovi cantieri, garantendo la nostra presenza su un più vasto raggio. Stiamo pensando alla Liguria e ad altre sedi dislocate in Europa.

Matteo Cervasi, che si definisce il primo cliente di sé stesso, ha illustrato un lavoro fatto di meticolosa precisione, conoscenza e passione: un trittico importantissimo per chi deve assicurare l’eccellenza.

(CMM Yacht Service, Precisione e Conoscenza – Barchemagazine.com – Settembre 2021)

L'articolo CMM Yacht Service, Precisione e Conoscenza sembra essere il primo su Barche Magazine ISP.

NESSUN COMMENTO