Benetti vara “Joy”, la seconda unità di Oasis 40M

0
143
Benetti Oasis 40M Benetti Oasis 40M Benetti Launch second unit of Oasis M

Varato a Livorno il secondo esemplare di Benetti Oasis 40M – battezzato Joy – yacht innovativo in vetroresina di 40 metri con alcune personalizzazioni chieste dall’armatore che ha seguito da vicino la progettazione e la realizzazione del suo primo Benetti.
Le linee esterne di Oasis 40M rappresentano la perfetta sintesi tra raffinatezza italiana e linee classiche inglesi, grazie allo studio britannico RWD che le ha progettate. La prua verticale, le vetrate a tutta altezza della timoneria e i richiami stilistici d’ispirazione automotive (come la verniciatura color argento del perimetro delle vetrate) donano allo yacht un aspetto energico, mentre a poppa gli ampi spazi dedicati alla vita all’aria aperta ne svelano l’anima glamour.
La beach area di Benetti Oasis 40M è un elemento di grande forza innovativa: una terrazza senza impedimenti fisici e visivi, concepita come un ambiente multifunzione. L’ambiente è perfetto per essere vissuto di giorno come punto focale della vita di bordo e di sera come un salotto elegante all’aperto o in location ideale per un aperitivo prima di cena, o addirittura in un cinema all’aperto come richiesto dall’armatore. Grazie alle due ali laterali apribili, che portano la superficie totale calpestabile a 90 metri quadri, la larghezza di questo spazio, dotato di un’infinity pool di oltre 7 metri quadri, raggiunge gli 11 metri (8,5 sono i metri di baglio dello scafo). Ai lati, 3 gradini conducono verso il salone principale, accessibile da un’ampia porta scorrevole che garantisce continuità tra esterno e interno. La beach area poi è priva di scale verso i ponti superiori, ai quali si accede dai camminamenti laterali o dall’interno. Il garage è posto lateralmente sulla fiancata destra per non interferire con questa zona.
Gli interni sono stati progettati dallo studio newyorkese Bonetti/Kozerski Architecture, all’insegna di un comfort informale, e richiamano l’atmosfera di un elegante loft open space. Grandi vetrate e porte finestre contribuiscono a rendere più labili i confini fra spazi interni e aperti.
Il main deck di Joy è stato progettato con un ampio salone con due vetrate laterali a tre ante apribili, in corrispondenza della zona da pranzo. A sinistra nave una porta nasconde l’accesso alla galley. Da qui, l’equipaggio si muove verso gli alloggi a prua del lower deck e i ponti superiori con percorso separato per tutelare la privacy dell’armatore. Dal lato destro del salone principale, verso poppa è possibile accedere alla master suite, preceduta da un raffinato studio privato realizzato custom con vetri polarizzati (smart glass). Sempre su richiesta dell’armatore, la suite è stata dotata di una comoda e accogliente terrazza, sul lato destro mentre un corridoio centrale porta verso la zona dressing e il bagno, entrambi divisi in due aree separate per lui e per lei.
L’upper deck accoglie la futuristica wheelhouse, la cui plancia è uno spazio polifunzionale dove vivere appieno l’esperienza della navigazione grazie a comode sedute per 6 persone e vetrate a tutta altezza che permettono una vista a 180°. Sullo stesso ponte, la sky lounge personalizzata contempla una palestra super accessoriata, con una vetrata totalmente apribile, e un’area lounge con divano e televisore.
Il sun deck, che è raggiungibile tramite una scala defilata a centro nave, è stato arredato con bar e zona prendisole. Il lower deck offre quattro cabine doppie con bagno en suite per gli ospiti.
Tra le tante caratteristiche che contraddistinguono Joy un avanzato sistema di remote control Wi-Fi permette di ormeggiare la barca da poppa senza essere necessariamente in timoneria e l’aggiunta di casse acustiche esterne per trasmettere la musica conferma il grande desiderio di un uso conviviale a cui lo yacht si presta perfettamente.
La carena – progettata da Pierluigi Ausonio, in collaborazione con il cantiere – completata dalla prua verticale, permette di raggiungere la velocità massima di 18 nodi.
L’imbarcazione è realizzata secondo i più alti standard tecnico-costruttivi del mercato e la cura di ogni dettaglio e aspetto costruttivo si ritrova anche nell’attenzione alla qualità dell’aria, in termini di ossigenazione, umidità e temperatura all’interno delle aree chiuse dove un sistema di trattamento dell’aria (ATU) garantisce sempre aria fresca e pulita, assicurando fino a 6 ricambi d’aria per ora.

L'articolo Benetti vara “Joy”, la seconda unità di Oasis 40M sembra essere il primo su Gentedimare2.0.

NESSUN COMMENTO