Vela: quanti tipi di vela esistono? scopriamo il motore della barca a vela

0
514
domanda locazione vela
locazione

Nel tempo la vela ha subito molteplici evoluzioni, a seconda delle zone e dei mari.
I vecchi cutter che pescavano i merluzzi facevano a gara ad arrivare per primi in porto, infatti era chi arrivava primo che si aggiudicava il mercato facendone il prezzo. Le grandi navi da guerra avevano bisogno di essere manoviere e veloci, così anche le navi da trasporto, dovevano competere con le veloci imbarcazioni dei pirati e dei corsari. Addirittura nell’invasione araba dell’europa meridionale è stata determinante la caratteristica delle navi con cui questi scorazzavano nel mediterraneo, infatti erano imbarcazioni che risalivano il vento con facilità, mettendo in difficoltà le flotte delle altre marinerie accerchiandole o sfuggendogli agevolmente dopo averle colpite.

Così pur nelle loro modeste possibilità tecnologiche gli uomini del passato hanno inventato diversi tipi di vela e di armi.

Tipi di vela

  • Vela al terzo
  • latina
  • tarchia
  • aurica
  • quadra
  • Fiocco
    • Fiocco
    • genoa
    • Volante o uccellina
  • Trinchetta
  • Randa Marconi
  • Vele per lasco
    • Spinnaker
    • gennaker

Ognuna di queste vele può essere armata su qualunque barca , anche se è chiaro che ci saranno usi e scafi appropriati ad ognuna di esse.

Il “montaggio” di una vela e di un albero su di una barca si definisce armo, quindi diremo che una barca è armata con vela aurica, e non che monta una vela aurica.

Armi e scafi distinguono i vari tipi di imbarcazioni

Le vele vengono definite il motore della barca a vela, in realtà questo è un concetto molto semplicistico che viene dato a causa della nostra ormai radicata concezione automobilistica.

In una vettura il motore è posto all’interno della stessa, ne è sostenuto e trasmette un moto di spinta verso terra e la velocità del veicolo è direttamente proporzionale alla potenza del proprio motore.
A un motore basterebbero quindi semplicemente un supporto su tre ruote e il movimento avverrebbe, magari semplicemente rettilineo, ma comunque realizzato.
Per quanto riguarda la barca a vela, invece, la cosa non è così semplice.
La vela e l’albero sono sostenuti dallo scafo, ma la velocità della barca non è dovuta solo alla dimensione della vela, ma anche al suo orientamento all’aria e all’acqua.

Inoltre ammettendo che un albero invelato possa galleggiare ritto in mare, nel vento si comporterebbe come un’asta con la bandiera.

Quindi le vele sono propulsori sinergici dell’imbarcazione.

Il timone

E’ l’organo di governo e parte fondamentale per il rendimento completo sia dello scafo che delle vele.

Il timone è anche il “sensore” del moto della barca.

Da come questi reagisce , il timoniere può valutare le potenzialità e le caratteristiche di progetto di una imbarcazione.

Può essere di diversi tipi e posizionato in diversi punti:

  • Timone appeso o sospeso
  • Timone in continuo
  • Timone applicato
  • Timone con skeg

NESSUN COMMENTO

Rispondi