Sanlorenzo si racconta ad Art Basel Hong Kong

0
26
Sanlorenzo si racconta ad Art Basel Hong Kong 2019

Continua la collaborazione di Sanlorenzo con Art Basel, la fiera d’arte moderna e contemporanea più significativa sulla scena internazionale, iniziata nel 2018 con la firma dell’accordo di global partnership per gli appuntamenti annuali di Hong Kong a marzo, Basilea nel mese di giugno e Miami Beach a dicembre. Il cantiere, tra i principali produttori al mondo di yacht e superyacht, prenderà parte al nuovo appuntamento di Art Basel in Hong Kong 2019 (dal 29 al 31 marzo 2019) per presentare al pubblico il proprio approccio creativo e l’affinità con il mondo dell’arte, capace di offrire ai visitatori inaspettati punti di vista sul mondo dello yachting.
Il legame tra Sanlorenzo e l’arte trova le proprie radici nella visione innovativa del Cavalier Massimo Perotti, presidente dell’azienda, che con coraggio l’ha portata a sperimentare, per prima nel proprio ambito, connessioni nuove e inaspettate.
In occasione di Art Basel in Hong Kong 2019, Sanlorenzo presenta, all’interno della Collectors Lounge, la nuova installazione (nella foto) progettata dall’art director Piero Lissoni in omaggio all’artista taiwanese Alixe Fu in collaborazione con la Galleria Amanda Wei. Si tratta di uno spazio interpretato secondo lo stile elegante e minimale dell’art director, i cui unici protagonisti sono l’opera “God of Wealth” di Alixe Fu e i modellini di superyacht Sanlorenzo esposti come opere d’arte in teche di vetro. Un ambiente che accoglie i visitatori proiettandoli in una dimensione che sembra sospesa nel tempo e che li invita a leggere e scoprire i significati dell’opera d’arte e i silenziosi dialoghi e connessioni che si stabiliscono tra Sanlorenzo e il mondo dell’arte.
L’opera di Alixe Fu riflette sul concetto di “self-archeology” intesa come esplorazione e conoscenza di sé, che deriva dalla concezione dello “stadio dello specchio” dello psicoanalista francese Jacques Lacan (1901-1981). In particolare, in “God of Wealth”, i molteplici livelli di comprensione dell’opera d’arte danno vita a numerosi punti di vista: l’opera rispecchia così i meccanismi del subconscio facendo sì che tutto il quadro sembri andare incontro al visitatore stesso coinvolgendolo profondamente. I contorni dell’opera sono indefiniti e costituiti da un gioco di luci e ombre con lo scopo di rappresentare un’atmosfera umanistica. Il termine “God of Wealth” nasce dalle usanze popolari cinesi. Il Dio della ricchezza è adorato il quinto giorno del primo mese del calendario lunare, indicato anche come il giorno del Dio della ricchezza delle cinque strade. Le cinque strade indicano cinque direzioni: est, ovest, sud, nord e centro. Come dice l’artista: “La fede è un terreno fertile per il proprio giardino interiore in cui cresce tutta la ricchezza della vita!“.
L’apice dell’esperienza, artigianalità e innovazione di Sanlorenzo sono qui rappresentati dai modelli di superyacht esposti: ogni esemplare è l’esito di un progetto a 360 gradi trasversale e innovativo, in cui l’ideazione dello scafo, forgiato dal metallo come un’opera d’arte, va di pari passo con la progettazione degli interni, creazione sartoriale personalizzata in ogni più piccolo dettaglio per ottenere ogni volta l’effetto desiderato. Un progetto nel quale cura e eleganza dei particolari incontrano comfort abitativo e ottimizzazione degli spazi e in cui emerge un forte senso di coerenza ed unione, grazie ad un’attenzione scrupolosa per illuminazione, arredi, accessori e materiali, come parte di una regia complessiva. Un approccio che punta alla massima qualità e che si rivolge ad una clientela sofisticata, appassionata ed esperta che ama il mare.
Dalla collaborazione con Art Basel iniziata nel 2018, sono nate le due installazioni Sanlorenzo firmate da Piero Lissoni, la prima presentata ad Art Basel in Basel 2018 in omaggio a Emilio Isgrò e l’altra in occasione di Art Basel in Miami Beach 2018 come tributo all’artista italiano Alberto Biasi.

L'articolo Sanlorenzo si racconta ad Art Basel Hong Kong sembra essere il primo su Gentedimare2.0.

NESSUN COMMENTO