#Monopoli tra mare e movida

0
2810
monopoli

Città di discoteche, locali notturni, ristoranti e divertimento, Monopoli sorge sull’Adriatico ed ospita circa 50.000 abitanti.

Il suo centro storico, di origine alto-medievale, è uno dei più belli e caratteristici e si affaccia sul mare circondato da alte mura. E’ qui possibile ammirare chiese, palazzi nobiliari, piazze e antichi vicoli; è una vera esplosione di raro splendore. Dista pochi chilometri da Conversano, città d’arte e cultura anch’essa ricca di bellezze e con un borgo antico medievale di raro splendore.

La Cattedrale Madonna della Madia, chiesa dallo splendore architettonico in stile barocco, rappresenta il cosiddetto Duomo di Monopoli. Di grande bellezza e valore architettonico anche le altre chiese della città.

Visita Monopoli in barca: guarda le offerte

Il mare e le spiagge di Monopoli rappresentano un altro grande valore per la città: è possibile scegliere fra le numerose spiagge a disposizione -come quelle del Capitolo, la zona più turistica di Monopoli da un punto di vista balneare- prendere il sole e contemporaneamente ballare con gli amici sulla sabbia grazie alle tante postazioni musicali pensate per il divertimento di tutti. Queste spiagge di notte diventano vere e proprie discoteche all’aperto dove trascorrere serate immersi nella musica e nella gente.

Molti anche i ristoranti e i bar disposti sulle spiagge -che in questa zona sono molto estese e prevalentemente sabbiose- sempre pronti ad accogliere la moltitudine di ragazzi che, regolarmente, si danno appuntamento per la colazione all’alba dopo la disco.

Visita Monopoli in barca: guarda le offerte

Monopoli rappresenta, sull’Adriatico, uno dei porti più attivi e popolosi della regione. Il suo caratteristico centro storico di origine alto-medievale, sovrapposto ai resti di un abitato messapico fortificato già nel V secolo a.C., si affaccia sul mare circondato da alte mura.

Monopoli è anche detta la città delle cento contrade. L’agro infatti è diviso in varie località denominate contrade, i cui toponimi rievocano antichi casali scomparsi, la presenza di una masseria, di una chiesa o altri riferimenti storico-geografici.

CONDIVIDI
Articolo precedente#Genova: una città di cui ci si innamora
Articolo successivo#Agropoli: visita la città posta in alto

Mi chiamo Stefano Melia, sono nato nel 1984 e abito a Latina. Sono Ceo e founder di Aba Holding srls startup innovativa nel settore della mediazione marittima e sviluppo software proprietaria del marchio Atboat, e in più sono direttore responsabile della testata giornalistica online Notiziario Finanziario (www.notiziariofinanziario.com).

NESSUN COMMENTO

Rispondi