Marine della Toscana, prima tappa a Düsseldorf

0
83
Marine della Toscana: Angelini, Ciuoffo, Ratti

Destinazione Boot Düsseldorf 2020 (18-26 gennaio). Parte dalla rassegna tedesca la promozione internazionale di Marine della Toscana, il consorzio nato da pochi mesi che raggruppa i porti turustici della regione. Il neonato raggruppamento si presenterà agli operatori grazie al supporto della Regione Toscana, che ha finanziato un progetto di internazionalizzazione, nel corso dei principali saloni nautici 2020.
Dopo una prima presenza, lo scorso novembre, all’Ice di Vienna per una ricognizione nel mondo dei charter e la partecipazione a Düsseldorf, il consorzio andrà a proporsi sul mercato del Medio Oriente intervenendo al Dubai International Boat Show in programma negli Emirati Arabi Uniti dal 10 al 14 marzo. Marine della Toscana sarà poi presente anche agli appuntamenti internazionali, ospitati in Toscana, la prossima primavera: Yare, evento business B2B dedicato al refit e all’aftersales del settore superyacht (18-20 marzo a Viareggio) e la quarta edizione del Versilia Yachting Rendez-vous (28-31maggio sempre a Viareggio). La strategia di internazionalizzazione, inoltre, prevede l’apertura temporanea di uno show-room dedicato allo Yacht Club in occasione del Monaco Yacht Show di Montecarlo (23-26 settembre 2020), oltre alla preparazione di tutti i materiali promozionali, del sito e della campagna di comunicazione.
Tra gli obiettivi del Consorzio la promozione anche all’estero, sotto il brand Toscana, il meglio delle realtà del diporto turistico della Regione, nell’ottica dello sviluppo di un turismo innovativo e integrato, in grado di competere con quello offerto dalle strutture al di là dei confini italiani. Una strategia che la Regione Toscana ha già adottato con il progetto di promozione integrata Costa Toscana | Isole Toscane che coinvolge le cinque province costiere (Massa, Lucca, Pisa, Livorno e Grosseto) e ne valorizza singole specificità e tipicità. Il tutto con l’obiettivo di perseguire un ulteriore sviluppo del turismo nell’area costiera attraverso la definizione di itinerari tematici e integrati che rendano possibile sia una destagionalizzazione dell’offerta sia il superamento, attraverso la sinergia, della competizione interna tra i singoli territori in modo da affrontare sempre meglio la concorrenza dei competitor nazionali e internazionali.
Del Consorzio fanno già parte Marina Cala de’ Medici, società che gestisce l’omonimo porto turistico di Rosignano, la società cooperativa L’Ormeggio di Marina di Salivoli, Yacht Broker che opera all’interno del Porto di Viareggio, Porto Azzurro all’Isola d’Elba e La Chiusa di Pontedoro di futura realizzazione per accrescere la capacità di accogliere megayacht nell’area di Piombino. A queste cinque marine, si aggiungeranno altre importanti realtà toscane che rappresentano eccellenze dello yachting nel territorio.
Il presidente del Consorzio è Matteo Italo Ratti, ad di Marina Cala de’ Medic, mentre il ruolo di direttore è ricoperto da Pietro Angelini, ad del Distretto Tecnologico per la Nautica e la Portualità Toscana e direttore generale di NAVIGO, società per l’innovazione e sviluppo della nautica.

I COMMENTI DEI PROTAGONISTI
“La nascita del consorzio rappresenta un primo passo molto importante nella direzione di una reale e fattiva collaborazione fra i porti toscani – spiega Matteo Italo Ratti – e la partecipazione unita agli appuntamenti internazionali permetterà di mettere in luce i punti di forza della Toscana verso i competitor come qualità dei servizi, innovazione tecnologica, bellezza e offerta culturale e turistica del territorio”.
“La tradizione della nautica toscana – il commento di Stefano Ciuoffo, assessore regionale alle attività produttive  – è un patrimonio che merita di essere valorizzato e promosso in maniera adeguata. Un settore che impiega in Toscana migliaia di persone e che riveste un ruolo chiave nell’economia della regione. Puntiamo a consolidare il sostegno a tutto il comparto e a favorire occasioni per dargli visibilità con progetti di internazionalizzazione. La nascita del consorzio è molto importante e sono convinto che grazie alla capacità delle aziende nautiche di investire in ricerca e innovazione di prodotti e processi, la Toscana saprà mantenere e rafforzare la propria attitudine competitiva a livello mondiale”.
“La Toscana rappresenta in questo settore una delle eccellenze a livello nazionale – aggiunge Francesco Palumbo, direttore di Toscana Promozione – con porti di livello capaci di accogliere un turismo di grande qualità che, potendo contare su servizi di ultima generazione all’interno delle infrastrutture sul mare, può trovare un accesso facilitato a tutte le altre bellezze, storiche, artistiche e paesaggistiche, della regione, facilitando anche lo sviluppo del turismo nell’area costiera. Per questo, congiuntamente al progetto Costa Toscana – piattaforma di innovazione green per le destinazioni della costa – dobbiamo puntare proprio sulla rete che, come in questo caso grazie ad un percorso di internazionalizzazione, non può che giocare a favore dell’interno sistema turistico toscano che aspira ad accrescere la capacità di offerta e accoglienza”.
“La promozione del consorzio completa lo sforzo di promozione del brand Toscana anche come destinazione di alto profilo per servizi yachting e del turismo nautico – dichiara il direttore Pietro Angelini – La collaborazione tra porti e marine è un’azione fondamentale per il distretto nautico della regione che potrà portare risultati anche per quanto riguarda la crescita delle imprese sui fronti della formazione, della promozione e della innovazione”.
Nella foto da sinistra: Pietro Angelini, Stefano Ciuoffo e Matteo Italo Ratti 

L'articolo Marine della Toscana, prima tappa a Düsseldorf sembra essere il primo su Gentedimare2.0.

NESSUN COMMENTO