ll Dubai Harbour porta la firma delle eccellenze italiane

0
104

Il progetto del mega porto per yacht di lusso di Dubai firmato dal 29enne ingegnere e Project Manager Luca MARINI

Le forniture di pontili e boe opera delle aziende INGEMAR e RESINEX

 

Si avvia alla conclusione l’ultimo iconico progetto nella “città dei record”, il Dubai Harbour il porto per mega yacht che sorge sulla costa di fianco alla famosa “Palma”. Il mega-progetto sorge su un’area di 1.8 milioni di metri quadri ed è comprensivo del nuovo terminal per l’attracco di navi da crociera, capace di accogliere 6000 passeggeri, diverse marine per un totale di mille e cento posti barca, hotel e abitazioni.

La marina principale, Bay Marina, che ospiterà 200 imbarcazioni fino a 180 metri di lunghezza, ha visto una grande partecipazione di eccellenze made in Italy. Il coordinamento della progettazione e direzione dei lavori è stato affidato al giovanissimo ingegnere e Project Manager Luca Marini, 29enne salernitano, che a Dubai lavora per conto della società americana ATM-Applied Technology & Management. Uno dei cosiddetti “cervelli in fuga” italiani, da cinque anni nella capitale dell’Emirato di Dubai.

Bay Marina è un porto imponente ed iconico, progettato e realizzato in tempi impensabili in Italia – meno di un anno e mezzo – prassi comune negli Emirati Arabi Uniti. Sono stati posati in opera più di 14000 metri quadrati di pontili galleggianti in calcestruzzo ancorati a più di 200 pali in acciaio. Le imbarcazioni superiori a 80 metri hanno richiesto la progettazione ed installazione di boe di ormeggio di 3 metri di diametro, sistema innovativo per la costa di Dubai ma di uso molto frequente nel Mediterraneo.

La progettazione e fornitura dei lussuosi pontili galleggianti per l’approdo delle imbarcazioni è stato invece affidato alla società Ingemar, l’azienda nata a Milano nel ‘79 specializzata nello studio di lay out per l’ottimizzazione degli spazi portuali e nella progettazione e fornitura di strutture galleggianti per approdi turistici. Che, tra i tanti interventi, nel 2016 ha fornito 43 pontili per il completamento del porto Marina d’Arechi di Salerno, progettato dall’archistar Santiago Calatrava e la realizzazione di posti barca fino a 36 metri.

Anche le boe per l’ormeggio delle imbarcazioni più grandi portano la firma italiana. Si tratta della Resinex, azienda leader mondiale nella produzione di sistemi galleggianti, attiva nel settore dal 1961. Con base operativa a Milano e produzione in provincia di Brescia, oltre il 75% della produzione della Resinex è esportata verso i principali paesi produttori di petrolio e i principali nodi portuali del mondo.

 

 

L'articolo ll Dubai Harbour porta la firma delle eccellenze italiane sembra essere il primo su Nautica Editrice.

NESSUN COMMENTO