Hydro Tec “stappa” un Vanguard al brindisi dei 25 anni

0
132
Hydro Tec: Vanguard 65 metri Hydro Tec: Vanguard 65 metri HYDRO TEC T Vanguard Ebr HYDRO TEC T Vanguard Ebr HYDRO TEC T Vanguard Ebr HYDRO TEC T Vanguard Ebr Hydro Tec: la suite armatoriale di Vanguard

Un Vanguard d’annata al brindisi per i 25 anni di Hydro Tec. D’annata perché il concept di Sergio Cutolo si ispira alla tradizione marinara britannica: dal 1580 ad oggi c’è quasi sempre stata una nave da guerra inglese con questo nome, Vanguard, che nell’accezione originaria fa riferimento all’avanguardia. E’ il caso di Hydro Tec, lo studio di architettura navale fondato 25 anni fa da Sergio Cutolo. Il nuovo concept, infatti, rappresenta appieno lo spirito dello studio, da sempre capace di grandi spinte innovative sia nel campo della tecnica sia in quello del design, con spirito pioneristico ma fortemente ancorato a una solida base tecnica profondamente integrata alla grande tradizione cantieristica italiana.
“Il concetto di explorer si è molto evoluto, negli ultimi dieci anni – spiega lo stesso Cutolo – facendo nascere in me il desiderio di fare un ulteriore passo in avanti, concentrando in un unico progetto, tutte le esperienze di venticinque anni di attività di progettazione”.
L’idea che ha ispirato Vanguard? Un castello in mezzo al mare, una rocca, un Mont Saint Michel inaccessibile con le sue murate alte ma, allo stesso tempo, aperto alla visuale e all’orizzonte grazie alle sue finestre e alle terrazze. Questo explorer di 65 metri nasce su una piattaforma dislocante, che sviluppa una notevole larghezza e che stravolge la posizione verticale dei vari ponti, realizzando un ponte sottocoperta ben al di sopra del galleggiamento di pieno carico. In questo modo si viene a creare la possibilità di avere delle terrazze mobili in corrispondenza delle cabine ospiti e ben sopra il piano di galleggiamento garantendo, allo stesso tempo, ampi spazi nell’under-lower deck utilizzati come spazi tecnici e stiva. Anche la sala macchine viene riposizionata, in gran parte, nell’under-lower deck, occupando uno spazio minimo nel lower deck, destinato, sostanzialmente, alle sole prese d’aria.
Con questa distribuzione, il lower deck diventa un ponte interamente fruibile dalla piattaforma da bagno fino alla paratia di collisione, consentendo agli ospiti delle cabine l’accesso diretto alla beach area e alla spa. Un’ampia piscina riscaldata occupa la zona centrale della beach area che è completamente coperta e che si apre verso poppa grazie a una murata abbattibile. In questo modo la piscina può essere utilizzata anche quando il clima è troppo caldo o troppo freddo e la parte di murata abbattibile diventa una estensione della beach area stessa. La zona prodiera del lower-deck è occupata dalle cabine equipaggio e dalla mensa.
Il ponte di coperta, verso poppa, vede la zona tender, coperta, con i carri ponte e i portelli laterali per il varo dei tender e dei vari toys imbarcati; quando questi sono in acqua, questa zona è ampiamente fruibile per attività all’aperto. Andando verso prua c’è una lounge aperta e poi il salone principale, con annessa sala da pranzo e area tv-entertainment.
Ancora, verso prua, troveremo a sinistra la cucina, con pantry, e a dritta l’accesso alla suite armatoriale composta da un grande studio, zona relax, camera da letto, con due terrazze a dritta e a sinistra nave e la zona bagno-spogliatoio. Al ponte superiore, a poppavia della zona tecnica, composta dalla plancia, dall’ufficio e dalla cabina del comandante, troviamo la grande sky lounge panoramica, con annessa zona cinema e terrazza esterna. Su questo livello, verso poppa, si trova l’heli-deck. I due livelli superiori sono occupati da due grandi lounge aperte servite dall’ascensore e dal dumb waitor.
Dal punto di vista tecnico, la propulsione è affidata a due motori principali MTU, collegati, tramite linea d’assi, a due eliche a pale fisse e, in aggiunta, a due motori elettrici alimentati dalla rete di bordo. I motori elettrici consentono velocità fino a circa 10 nodi in modalità diesel-elettrica.
Maggiori informazioni sul sito web: https://www.hydrotec.it/discover-vanguard/

L'articolo Hydro Tec “stappa” un Vanguard al brindisi dei 25 anni sembra essere il primo su Gentedimare2.0.

NESSUN COMMENTO