Emissioni a bordo, workshop Nautica Italiana

0
204
Workshop Nautica Italiana

“La nuova sfida del controllo delle emissioni NOx: normative, soluzioni multi-purpose e applicazioni pratiche”. Questo il tema del workshop Nautica Italiana ed Ecospray Technologies che si è svolto a Marina di Genova. Anticipati e analizzati i temi legati alla prossima applicazione dei livelli di emissione Imo Tier III anche per imbarcazioni inferiori ai 24 metri e 500 grt che partiranno a gennaio 2021. All’evento hanno partecipato numerosi esperti, seguiti da una folta rappresentanza dei cantieri.
Con l’obiettivo di approfondire le problematiche di implementazione a bordo degli yacht dei dispositivi per il controllo delle emissioni NOx, l’incontro è stato di grande attualità, soprattutto in  considerazione della recentissima Certificazione Eiapp rilasciata dal Rina per il primo sistema Imo Tier III realizzato da Ecospray per Tankoa Yachts grazie a una consolidata collaborazione tecnologica. 
Il Workshop Nautica Italiana e Ecospray Tecnologies, inoltre, ha approfondito le pressanti esigenze dei cantieri, specialmente in relazione alle diverse opzioni tecnologiche a disposizione del comparto, nonché il quadro normativo di riferimento presentato durante la mattinata dagli esperti del Rina. Tra i vari argomenti discussi, di particolare interesse è stata, infine, la presentazione di una case history specifica, quella di Ecospray Tecnologies, che ha presentato il progetto, la costruzione e la successiva Certificazione di un proprio dispositivo a bordo del 72 metri Solo costruito da Tankoa Yachts.
“L’organizzazione di questo workshop – il commento di Marco Cappeddu, direttore generale di Nautica Italiana – giunge a conferma del fatto che vi sia una profonda sintonia tra i tecnici delle aziende associate a Nautica Italiana, quella di voler fornire una soluzione tempestiva alle problematiche legate al tema delle emissioni. In questo senso spero arrivi forte il messaggio, rivolto agli organismi legislativi internazionali, di una necessaria accelerazione nel dare le giuste indicazioni sul tema”.
“Le Convenzioni Imo (Organo Internazionale Marittimo delle Nazioni Unite) influenzano la progettazione e costruzione degli yacht con incidenza sempre maggiore – ha poi spiegato Lorenzo Pollicardo, segretario generale dell’associazione presieduta da Lamberto Tacoli – In particolare, in materia di salvaguardia dell’ecosistema marino, i requisiti della Convenzione Marpol esprimono severità sempre maggiori. La riduzione di emissioni di ossidi di azoto in atmosfera, con l’applicazione del Code Tier III della Marpol, oggi costituisce una sfida importante per l’industria della nautica”.
“L’abbattimento delle emissioni NOx nella nautica costituisce una sfida reale per il settore – ha aggiunto Maurizio Archetti, presidente di Ecospray Technologies – Siamo molto soddisfatti per il conseguimento della Certificazione Eiapp per il primo sistema Imo Tier III e di quanto realizzato con Tankoa Yachts. Siamo sicuri che Ecospray possa dare il proprio contributo tecnologico a questo comparto”.
Infine il commento di Giorgio Gallo, Italy & South of France Yachting Center Manager del Rina – La prossima entrata in vigore dell’emendamento Marpol (Convenzione internazionale per la prevenzione dell’inquinamento causato da navi) dedicato agli yacht di stazza lorda inferiore a 500 Gt, richiede un ulteriore abbattimento delle emissioni NOx. Per Rina è fondamentale supportare l’industria nautica nella comprensione delle più recenti normative affinché il comparto possa utilizzare al meglio gli strumenti a disposizione e la tecnologia più innovativa, nell’ottica di una sempre maggiore sostenibilità del settore”.

L'articolo Emissioni a bordo, workshop Nautica Italiana sembra essere il primo su Gentedimare2.0.

NESSUN COMMENTO