Effebi, ecco la prima motovedetta ibrida per la Gdf

0
136
Effebi: la motovedetta per la GdF di Venezia Effebi: la motovedetta per la GdF di Venezia La cerimonia di consegna

Effebi (Gruppo Overmarine) ha consegnato alla Guardia di Finanza la prima motovedetta a propulsione ibrida per il servizio di sorveglianza e di pubblica utilità (117) nella Laguna di Venezia. La cerimonia di consegna è avvenuta presso la caserma Tommaso Mocinigo di Venezia, alla Giudecca, con vista su Piazza San Marco. Per l’occasione erano presenti i vertici della GdF: il comandante generale Giuseppe Zafarana, il comandante interregionale per l’Italia Nord-Orientale, genrale  Bruno Buratti, il comandante regionale Veneto, generale Giovanni Mainolfi. Ad accoglierli Katia Balducci, amministratore delegato di Effebi, e Fabio  Bonaccorsi, responsabile operativo della Divisione Militare Effebi.
Destinata alla vigilanza della laguna e dell’area urbana di Venezia, questa motovedetta è uno dei primi mezzi a impatto zero in dotazione alle Forze Armate. È infatti spinta da un sistema a propulsione ibrida con motori elettrico ed endotermico che permetteranno il pattugliamento sia in mare aperto con una velocità superiore a 32 Kn, sia nelle zone lagunari di particolare delicatezza alla velocità di oltre 5 nodi con emissioni zero. Questa flessibilità permette la salvaguardia ambientale di un ecosistema unico come quello della laguna veneziana, senza rinunciare all’efficienza in termini di velocità e capacità operative.
“Siamo emozionati ed orgogliosi di consegnare ufficialmente al Corpo della Guardia di Finanza questa motovedetta unica nel suo genere, che unisce eleganza ed operatività – ha detto Katia Balducci – Un progetto straordinario, che ci ha subito entusiasmato perché da sempre il Gruppo Effebi-Overmarine lavora nel rispetto dell’ambiente con progetti innovativi. Un progetto che guarda al futuro, che la Guardia di Finanza ha messo al servizio della comunità nel rispetto dell’ambiente”.
Le sue dimensioni – lunghezza 8 metri, larghezza 2,45 e un’altezza massima di 1,80 metri – e la sua manovrabilità sono perfette per il contesto lagunare in cui deve operare, caratterizzato da forti escursioni di marea, bassi fondali e limitazioni in altezza. Le linee esterne sono pulite ed eleganti, mentre la cabina interna è accogliente, con un comfort elevato in termini di bassa rumorosità, comodità di guida ecc., progettata nel totale rispetto di ergonomia, praticità ed alta affidabilità come richiesto per questa tipologia di imbarcazioni. Inoltre, è stata costruita con appositi accorgimenti per assorbire gli urti in caso di abbordaggio e per resistere all’azione continua di sfregamento ed alle sollecitazioni causate dalle briccole in legno, ormeggio tipico veneziano.

Equipaggiata con radar, bussola magnetica, bussola elettronica, DGPS, ecoscandaglio, termocamera ad infrarossi ed apparati radio in linea con lo standard richiesto dalla Guardia di Finanza per poter dialogare con le altre unità del Corpo, soddisfa pienamente le necessità operative che il “117” deve affrontare ogni giorno in un ambente difficile e fragile come quello della laguna veneziana.
Il Cantiere Effebi è attualmente impegnato nella costruzione del primo Coastal Patrol Vessel di 44 metri per Guardia di Finanza, e un Fast Patrol Vessel di 22 metri per la Police Maritime del Principato di Monaco.
Effebi è stata fondata nel 1983 dalla famiglia Balducci, tuttora alla guida dell’azienda. È specializzata in imbarcazioni dai 15 ai 50 metri ed opera nel settore militare con il marchio Effebi e nella nautica da diporto con i marchi Mangusta, Mangusta Oceano e Mangusta Gransport. Opera su diversi stabilimenti produttivi nelle aree di Massarosa, Massa, Carrara Avenza per un totale di circa 72.500 mq. tra aree coperte e scoperte. Da sempre l’azienda investe nella ricerca per migliorare l’ambiente e la sicurezza sul posto di lavoro ed è certificata ISO 9001:2015 e ISO 140001:2015.

L'articolo Effebi, ecco la prima motovedetta ibrida per la Gdf sembra essere il primo su Gentedimare2.0.

NESSUN COMMENTO