Codecasa svela i segreti del nuovo 58 metri (C127)

0
69
Codecasa 58 metri

Stagione frenetica nei Cantieri Navali Codecasa alle prese con le prossime consegne e con la costruzione on spec di un megayacht di 58 metri fuori tutto, ovvero il progetto C127. Si tratta dell’ennesimo gioiello dalle prestazioni tecniche eccezionali che, ancora una volta, sottolinea il coraggio e l’intraprendenza di Fulvio Codecasa. Il team tecnico del Cantiere, guidato da Gianluca Imeri in collaborazione con Pierluigi Ausonio, è molto orgoglioso dei risultati raggiunti per questa elegante e grintosa unità. La nuova C127, infatti, sarà in grado di raggiungere la velocità massima a dislocamento leggero di circa 21 nodi.
Il progetto prevede una carena dislocante veloce (tipica di navi militari), ottimizzata con le migliori tecniche attualmente disponibili per raggiungere e superare la soglia dei 20 nodi, una velocità ragguardevole per uno scafo di 58 metri in acciaio.
“Nello sviluppo delle previsioni preliminari della resistenza di carena è stato tenuto conto degli effetti favorevoli ottenibili con l’utilizzo di sostentatori poppieri tipo Transom Wedge – spiega l’ingegner Imeri – L’attenzione si è poi concentrata sulle forme della prua optando per una prora verticale che allungasse le linee d’acqua della carena. E’ stata, in seguito, valutata l’ipotesi di realizzare un bulbo prodiero che avesse solo uno sviluppo laterale, ovvero in larghezza. Per avere conferma degli effetti favorevoli di quanto sopra descritto, sono state eseguite alcune simulazioni CFD (Computational Fluid Dynamics), nella versione a oggi più affinata, ovvero con approccio RANSE (Reynolds Averaged Navier-Stokes Equations). Dopo i risultati incoraggianti ottenuti, il Cantiere ha affidato alla vasca navale SVA di Potsdam (Berlino) l’incarico di eseguire un programma articolato di prove su modello, in scala 1:9.5 (lunghezza modello circa 6mt). I risultati delle varie prove di rimorchio e autopropulsione hanno fornito dati di resistenza ancora più positivi su tutto il campo della velocità, soprattutto per quanto riguarda i valori intorno al target dei 20 nodi”.
Dati alla mano, il nuovo megayacht, con scafo in acciaio, equipaggiato con 2 motori principali Caterpillar 3516E da 2525 kW (3386 hp@1800 rpm), arriverà a toccare i 21 nodi, con un’autonomia di oltre 6.000 miglia a 12 nodi. Dotato della suite armatoriale, 5 cabine ospiti, oltre alla zona equipaggio composta dalla cabina del comandante e 6 cabine doppie, e di un comodo ascensore che servirà tutti i ponti, il megayacht prevede anche una beach area a poppa, con portellone a scafo abbattibile che si trasforma in spiaggetta, un Gym e una piscina di 3,5 x 3 metri sul ponte sole. A bordo sono garantiti massimo comfort, altissimi standard qualitativi e tecnologici che caratterizzano da sempre i prodotti del marchio Codecasa e che, uniti alla velocità, faranno di questa imbarcazione un nuovo punto di riferimento della nautica internazionale.
La data di consegna è prevista per la primavera 2023.

SCHEDA TECNICA PRELIMINARE

Lunghezza fuori tutto 57,80  metri
larghezza massima 10.50 metri
immersione massima 2.85 metri da B.L.
Materiale scafo Acciaio ad elevata resistenza AH 36
materiale sovrastruttura Alluminio 5083 H 111 / H 321
Classifica Lloyd’s Register EMEA – Croce di Malta 100 A1, SSC “YACHT” MONO G6 – Croce di Malta LMC+UMS – “Red Ensign Group Yacht Code – Part.A” Full Compliance
dislocamento pieno carico 830 tonnellate circa
Motori principali 2 Caterpillar 3516E (2525Kw / 3386 hp @ 1800 rpm)
Stabilizzatori NAIAD DYNAMICS Modello 820 – Zero Speed
Generatori 3 x Caterpillar C7.1  da 118 kW + 1 Caterpillar C4.4 Acert  da 88 kW (Generatore Emergenza)
eliche 2 DETRA a 5 pale fisse – Classe S
Velocita’ massima Oltre 20 nodi a Dislocamento Leggero
autonomia Oltre 6.000 miglia @ 12 nodi
capacita’ di gasolio 150.000 litri
capacita’ acqua dolce 30.000 litri
Cabine Ospiti 1 Suite Armatoriale
5 Cabine Ospiti
Cabine equipaggio 1 Cabina Comandante
6 Cabine doppie

L'articolo Codecasa svela i segreti del nuovo 58 metri (C127) sembra essere il primo su Gentedimare2.0.

NESSUN COMMENTO